domenica 8 gennaio 2017

The Idol (Ya Tayr El Tayer)

anno: 2015       
regia: ABU-HASSAD, HANY  
genere: drammatico  
con Qais Atallah, Hiba Atallah, Ahmed Qassim, Abd-Elkarim Abu-Barakeh, Tawfeek Barhom, Dima Awawdeh, Ahmed Al-Rokh, Saber Shreim, Nadine Labaki    
location: Egitto, Libano, Palestina
voto: 5,5  

L'incredibile storia vera di Muhammad Assaf (Atallah), fuggito dalla striscia di Gaza all'inseguimento, fin da piccolo, di un unico obiettivo: quello di poter partecipare al concorso per cantanti pop che si tiene ogni anni al Cairo: quell'Arab Idol che è l'equivalente dell'American Idol.
Polpettone con sottolineature buoniste a gogò, The idol intreccia lo spirito di The millionaire con il film d'avventura, il romanzo di formazione, le riflessioni sull'oscenità del conflitto israeliano-palestinese e il buddy-movie. Tanta carne al fuoco, con molti momenti emotivamente ricattatori nei confronti dello spettatore (a cominciare dalla sottotrama che coinvolge la volitiva sorellina del protagonista, morta dopo aver perso la funzionalità di un rene), sposta il pendolo della qualità artistica del film ora dalla parte del prodotto nazionalpopolare, ora da quella del cinema d'essai, senza mai trovare un adeguato punto d'equilibrio. Un vero peccato, perché la vicenda straordinaria di questo caparbio 22enne che nel 2013 divenne una sorta di idolo nazionale, ridando speranza al popolo palestinese (ritratto in incredibili immagini di repertorio nella sequenza finale), avrebbe meritato una scrittura meno oleografica.    

Nessun commento:

Posta un commento